AN INTRODUCTION

UN'INTRODUZIONE ALLA PRODUZIONE DELLA CERAMICA

Era da tempo che volevo introdurvi al vasto mondo della ceramica.

Immagino che uno dei motivi per cui la ceramica sia così emozionante è che impari costantemente mentre la tratti. Lavorare in maniera robotica, facendo sempre la stessa cosa, proprio come molti di noi hanno bisogno di fare per pagare le bollette, può diventare un po’ faticoso. Imparare nuove abilità, situazioni e prospettive è vitale tanto quanto molte altre cose nella vita. La scuola non era poi così male. Ma a volte ce ne dimentichiamo, sopraffatti da questa nostra vita frettolosa.

Ma parliamo di ceramica.

Tutto inizia da questo materiale morbido e umido che è l'argilla. È pastoso e freddo, danza con le forme delle tue mani o un altro strumento necessario.

È un materiale scoltro; l'argilla ha memoria e non dimentica mai ogni singolo movimento, ogni volta che la pieghi, la arrotoli e la giri.

Può richiedere da poco a troppo tempo per asciugare ed è meglio lasciarlo asciugare al ritmo giusto in base alle caratteristiche del pezzo. Non vusi aprire la porta del tuo studio, una mattina soleggiata, e trovare un lavoro in corso in frantumi.

Una volta completamente asciutto potrete cuocerlo per la prima volta: cottura a biscotto.

In sostanza si tosta l'argilla in modo che si trasformi in ceramica, solida e più facile da maneggiare durante la fase di smaltatura. È una fase irreversibile; la forma del pezzo è permanente dopo essere stato “biscottato”.

La smaltatura è disordinata e richiede molte attente considerazioni per evitare brutti incidenti, cosa che sicuramente non vorrai dopo tutta la fatica ed il tempo che hai investito nel tuo lavoro. Applichiamo lo smalto, che a questo punto è liquido, sul pezzo biscottato che la assorbirà in un attimo.

E poi è il momento di cuocere di nuovo.

Durante la cottura dello smalto raggiungiamo temperature più elevate e questo consente agli smalti di sciogliersi e quindi vetrificarsi, dando vita a tutti quei fantastici colori e consistenze che vedete sui pezzi finali.

E questo è quanto!

Quindi, ecco un riepilogo:

-creare il pezzo (costruito a mano o al tornio) -lasciarlo asciugare un po'

-ritornirlo (o rifinirlo una volta che non sarà più così pastoso)

-lasciarlo asciugare completamente

-cottura biscotto

-smaltatura

-cottura smalto

I passaggi necessari per arrivare al risultato finale sono molti.

E questi sono solo i passaggi fondamentali. Dovremmo aprire molte più parentesi per spiegare ogni passaggio in modo completo, ma anche alcune persone che hanno lavorato con l'argilla per molti decenni stanno ancora rivedendo e aggiornando quelle parentesi.

È un lavoro in continua evoluzione e affrontare tutte queste procedure richiede pazienza. Molta. È impossibile portare a termine il processo se si ha fretta. L'attenzione è fondamentale; attenzione come consapevolezza, osservanza.

Ecco: osservanza, riguardo.

Cura.

E ci rivedo una certa analogia con la vita, in generale.

Questo è anche il motivo per cui la ceramica ha un posto nel gigantesco regno delle arti. Richiede una certa sensibilità, una consapevolezza.

Non si tratta solo di realizzare tazze e cose belle.

Creatività e sensibilità viaggiano di pari passo.

Grazie ✨

Torna al blog